Il Milan deve ripartire da Montella

Il Milan non c’è più: dopo la vittoria della Supercoppa a Doha contro la Juventus, la squadra di Montella ha raccolto appena 4 punti su 15 a disposizione, troppo pochi per continuare a sognare la qualificazione in Champions League. Se domani sera però dovesse arrivare un successo contro il Bologna, il discorso potrebbe riaprirsi, ma servirà riavere quella continuità che è assolutamente mancata nel nuovo anno. Il mercato di gennaio non ha portato i rinforzi che i tifosi si sarebbero aspettati: Deulofeu e Ocampos non cambiano di molto la situazione nel reparto offensivo, con Niang andato a giocare in Premier League. Forse sarebbe servito qualcosa a centrocampo e sugli esterni in difesa, soprattutto in virtù degli inattesi ko capitati a Bonaventura e De Sciglio che hanno complicato sensibilmente la situazione. L’assenza dell’ex Atalanta è quella che si è fatta sentire più di tutte e fare a meno di lui fino al termine del campionato costringerà Montella a trovare nuove soluzioni in attacco, considerando che Jack riusciva a fare benissimo sia la fase offensiva che quella difensiva, dando una mano ai compagni. Il vertice di ieri a casa Milan aveva lo scopo di sistemare le idee e stringersi attorno all’allenatore, protagonista assoluto della buona prima parte di stagione dei rossoneri: è da lui che bisognerà ripartire, già da domani.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here