” PREPARAVA UN ATTENTATO IN VATICANO”, CONDANNATO A SEI ANNI

Sei anni di carcere con l’accusa di terrorismo internazionale. Arriva dal giudice per le udienze preliminari di Milano, Alessandra Simion, la sentenza di condanna nei confronti di Abderrahim Moutarrik, il campione di kingboxing arrestato nell’aprile del 2016 perché sospettato di essere un militante dell’Isis. Per l’accusa l’uomo sarebbe stato pronto a partire per la Siria con la famiglia. Nei suoi progetti poi, il ritorno in Italia con l’intento, hanno sempre sostenuto gli investigatori, di colpire l’ambasciata di Israele a Roma e il Vaticano.
Condannati anche altri 3 imputati, a cui sono stati inflitti 5 anni di carcere.
Per marito e moglie, pena dunque inferiore alle richieste dei pubblici ministeri che per entrambi avevano invocato 6 anni e mezzo di carcere.
Il processo, che si è celebrato con rito abbreviato, si è svolto a porte chiuse. Fisicamente assente il pugile che ha seguito l’udienza in videoconferenza, da Sassari dove si trova detenuto.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here