BOSSETTI, PARLA PER LA PRIMA VOLTA IL CONSULENTE DELLA FAMIGLIA

Non c’è prova che ci sia stata una proceazione medica assistita, ma i dubbi rimangono”. Carlo Infanti, consulente analista incaricato dalla famiglia Bossetti, per la prima volta parla della relazione fatta dopo aver ricevuto una lettera dalla mamma di Massimo Bossetti – il carpentiere di Mapello condannato in primo grado all’ergastolo per l’omicidio di Yara Gambirasio – in cui la donna ha ripercorso il difficile periodo passato nel tentativo di avere un figlio.

Consegnata la relazione arrivano le parole shock di Ester Arzuffi, che in un’intervista ha ipotizzato di essere stata vittima di una procreazione medica assistita, respingendo ancora una volta l’ipotesi che abbia avuto una relazione con Giusppe Guerinoni, autista di Gorno e padre biologico di Massimo Bossetti. Tutte ipotesi, quelle su una pma all’insaputa di Ester Arzuffi, che per ora non hanno trovato nessun riscontro. Potrebbero aprirsi nuovi scenari?

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here