Il futuro di Ausilio all’Inter è ancora tutto da scrivere

Il mercato dell’Inter è già entrato nel vivo, ma il futuro di Piero Ausilio è ancora tutto da decifrare. Il direttore sportivo infatti ha il contratto in scadenza il prossimo 30 giugno e l’eventuale rinnovo non è per nulla certo. Lo ha fatto intendere lo stesso Ausilio che prima della gara di Bologna ha spiegato come la sua volontà sia quella di proseguire il rapporto con Suning, nonostante dall’altra parte non ci sia stato nessun chiaro segnale di voler prolungare l’accordo tra le parti. Eppure il ds sta lavorando già per giugno, convinto di poter far parte dell’Inter del futuro. Ecco perchè la settimana scorsa Ausilio ha visto Gianluca Di Domenico, agente di Ricardo Rodriguez, per velocizzare una trattativa che resta complicata, ma per le quale l’attuale direttore sportivo ha posto delle basi importanti: accordo di massima con l’entourage del terzino, ancora da trovare quello con il Wolfsburg che chiede tutti i 22 milioni di euro della clausola rescissoria, con l’Inter che ne ha offerti 15, ma disposta a salire fino a 18 pur di arrivare allo svizzero. Verratti al momento resta un sogno: Ausilio ha parlato di oggettive difficoltà a trattare il centrocampista ex Pescara date soprattutto dalla forza economica del PSG, sempre restia a lasciar partire i propri gioielli, senza contare che la Juve è avanti ai nerazzurri. Sullo sfondo c’è Manolas, centrale individuato dall’Inter per rinforzare il reparto arretrato e per il quale Ausilio ha già avviato i contatti con l’entourage (la Roma chiede almeno 45 milioni di euro per il greco). Suning deve scegliere se continuare con l’attuale direttore sportivo o decidere di dare un segnale: Walter Sabatini è alla finestra, pronto a subentrare.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here