EUTANASIA, DJ FABO E’ MORTO IN SVIZZERA

 

Ha posto fine alle sue sofferenze. Dj Fabo, al secolo Fabiano Antoniani, il giovane milanese diventato cieco e tetraplegico dopo un incidente in moto, e’ morto in Svizzera dove si era recato per sottoporsi al suicidio assistito.

A darne notizia è stato Marco Cappato, dei Radicali, nonché leader dell’Associazione Luca Coscioni, la stessa che da tempo si batte per una legge sull’eutanasia. L’annuncio, dal suo profilo Twitter:

“Fabo è morto alle 11.40. Ha scelto di andarsene rispettando le regole di un Paese che non è il suo”.

40 anni li aveva compiuti lo scorso 9 febbraio. Una vita vissuta a 360 gradi fino a quel tragico incidente in moto, nel 2014, dal quale ne esce cieco e tetraplegico. Ci aveva provato, dj Fabo, a lottare. Più di tre anni di fisioterapia, con la sua fidanzata sempre accanto. Fino agli appelli alle Istituzioni affinchè  intervenissero per una legge sull’eutanasia. Persino un video-appello nel quale si rivolgeva al presidente Mattarella.

Tutto caduto nel vuoto. E così, la scelta estrema di trasferirsi in Svizzera per sottoporsi al suicidio assistito. Volontà annunciata da lui stesso via Twitter attraverso l’Associazione Coscioni.

I controlli psicologici e l’ultima visita poco prima di staccare la spina. Accanto a lui, la fidanzata, la madre e pochi amici. Con loro anche Marco Cappato.  A lui, è andato l’ultimo grazie del dj milanese. Resta, ora, il vespaio di polemiche attorno a una questione, quella dell’Eutanasia, che in Italia è ancora lontana da una soluzione.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here