COSTRETTA A PROSTITUIRSI IN STRADA. ARRESTATO IL MARITO AGUZZINO

Una macchina che arriva a un distributore. All’interno un uomo e una donna. Fin qui nulla di strano se non fosse che quell’uomo e quella donna sono marito e moglie e lei è costretta da lui a prostituirsi. Eccola mentre si approccia ai clienti. Terreno della prostituzione, le zone della Brianza.

 Tutto filmato e documentato dalle telecamere dei carabinieri della Compagnia di Vimercate che hanno arrestato il coniuge sfruttatore. Si tratta di un bergamasco di 57 anni, finito in carcere con l’accusa di favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione, porto d’armi e oggetti atti ad offendere. Tra le accuse anche quella di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

Vittima, la sua stessa moglie: una donna moldava di 39 anni. Ad insospettire i militari, la presenza di una station wagon, con un uomo a bordo e che si aggirava sempre nel piazzale di un distributore. Dall’auto scendeva sempre la stessa donna che proprio in quel posto si prostituiva. Da qui, pedinamenti e intercettazioni che hanno permesso di scoprire che la vittima veniva periodicamente accompagnata dal marito lungo la provinciale e qui costretta a vendersi. Per evitare che potesse sfuggire alla sua sorte era immancabilmente controllata a vista dal marito. Consumati i rapporti, l’uomo si faceva consegnare i guadagni direttamente dai clienti.

A salvare la donna, l’intervento dei carabinieri mentre il marito è stato arrestato. In auto i militari hanno trovato una pistola giocattolo senza tappo rosso, 230 euro, denaro appena guadagnato dalla donna, un binocolo e cinque grammi di hashish. A bordo anche un taser a forma di smartphone, ovvero uno storditore elettrico che l’uomo non mancava di utilizzare contro la moglie qualora avesse provato a ribellarsi.  

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here