Dybala e i dubbi su un rinnovo che non arriva

Il rinnovo di Dybala con la Juventus sta assumendo sempre più le sembianze di una telenovela. E’ infatti dallo scorso 4 ottobre che si susseguono dichiarazioni sul tema e spesso a parlare è lo stesso attaccante argentino. Il direttore generale Marotta non ha mai messo in dubbio il prolungamento del suo contratto, attualmente in scadenza nel 2020: è l’ingaggio di Dybala a dover essere rivisto, il motivo che quasi certamente sta rendendo la trattativa più complicata. Attualmente l’ex Palermo arriva a guadagnare circa 3,2 milioni di euro l’anno, ma la cifra che lui e il suo agente Triulzi hanno chiesto è quasi il doppio: 7 milioni, praticamente lo stipendio percepito dal più pagato della rosa juventina, Gonzalo Higuain. Marotta evidentemente aveva bleffato quando a inizio febbraio aveva parlato di accordo trovato con annuncio entro la fine del mese: siamo quasi ad aprile e Dybala continua ad avere la stessa scadenza contrattuale. A far tremare i tifosi della Juve per la prima volta è stato l’attaccante classe ’93, quando il 2 marzo disse di non essere l’unico ad avere peso nella trattativa, passando la palla al suo club. Intanto le voci di un interessamento del Barcellona continuano a essere sempre più rumorose: a sostenerlo con forza è il “Mundo Deportivo”, secondo cui i blaugrana vorrebbero accelerare le operazioni per accaparrarsi Dybala e soffiarlo alla concorrenza spagnola, Real Madrid su tutte. Eppure la sensazione è che la richiesta della Juventus, non inferiore ai 100 milioni di euro, abbia spaventato i club sulle tracce della Joya, che con ogni probabilità finirà col legarsi ai colori bianconeri restando ancora a Torino, almeno per il prossimo anno.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here