MILAN VENDUTO AI CINESI

Dopo quasi un anno di trattative e diversi rinvii, il Milan cambia padrone. Dopo 31 anni Silvio Berlusconi non è più il proprietario del club rossonero. L’atto di vendita è stato firmato oggi in Piazza Belgioioso a Milano. Il nuovo n.1 del Milan è Yonghong Li il quale oggi ha acquistato il 99,93 % delle azioni attraverso la società veicolo lussemburghese Rossoneri Sport Investment Lux.

Il Milan è stato ceduto per una cifra vicina ai 740 milioni, compresi i debiti che ammontano a 220 milioni di euro. I fondi che mancavano, dunque, sono arrivati grazie a un prestito dei fondi Elliott e Blues Sky, concessi a un tasso superiore al 10%, da restituire in un’unica tranche entro i prossimi 18 mesi.

L’atto è stato siglato dall’amministratore delegato di Fininvest, Danilo Pellegrino e dal braccio destro di Yonghong Li, Han Li, affiancato da Marco Fassone, individuato dalla nuova proprietà come l’amministratore delegato che prenderà il posto dopo 31 anni, di Adriano Galliani, anch’egli presente al momento della vendita.

Yonghong Li ha rassicurato i tifosi: “Passo passo torneremo sul tetto del mondo”. In serata cena ad Arcore con Silvio Berlusconi, mentre nella giornata di domani ci sarà una conferenza stampa prima dell’assemblea dei soci che nominerà il nuovo Cda di cui faranno 4 cinesi su 7. Tra gli italiani ci sarà anche Paolo Scaroni, ex numero uno di Eni ed Enel.

 

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here