DROGA DALLA SPAGNA ALLA BRIANZA, 19 ARRESTI

Sgominate bande dedite al traffico internazionale di droga che rifornivano il mercato lombardo. Droga che da Alicante, in Spagna, arrivava dritta in Brianza. E ci arrivava in un camper, ben nascosta in un sottofondo creato appositamente nel piatto doccia, lì dove gli spacciatori pensavano che nessuno l’avrebbe mai trovata. Un sistema collaudato per rifornire di marijuana e cocaina la provincia di Monza. Eseguite 19 ordinanze di custodia cautelare nei confronti di italiani e albanesi coinvolti in traffici di droga tra Monza, Brianza, Bergamo e Verbania. L’indagine che ha portato al sequestro di 16 chili di marijuana, 1 di cocaina e 9000 euro in contanti, si era aperta un paio di anni fa quando i Carabinieri scoprirono gli affari illeciti di un insospettabile ristoratore di Monza che nella sua pizzeria forniva ai clienti anche dosi di cocaina. L’inchiesta si è allargata fino a smascherare 9 spacciatori italiani che operavano tra Verbania e Monza. Poi l’indagine si è ampliata ulteriormente a un’altra organizzazione di albanesi con base ad Agrate Brianza. Qui, in un appartamento impiegato come base logistica, sono stati trovati chili e chili di marijuana destinata al mercato locale. E proprio mettendosi sulle loro tracce, i militari hanno scoperto la rotta spagnola.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here