Fiorentina in alto mare, la Roma dismette ma prenderà Berardi

Ridimensionamento è la parola chiave. Con una differenza sostanziale che mette la Roma al sicuro rispetto alla Fiorentina, adesso ufficialmente in vendita dopo che i Della valle avevano già lasciato intendere una certa disaffezione. Sta di fatto che il rinnovamento al ribasso (che per i giallorossi significa rifondare per arrivare sani agli anni del nuovo stadio) coinvolge direttamente le big, italiane e non solo, che vengono invitate al ruolo di cannibali. Il bilancio non perdona, direbbe il saggio: così il neo direttore sportivo romanista Monchi ha aperto le danze con la cessione di Salah al Liverpool e di fatto sistemando il greco Manolas e l’argentino Paredes in Russia (in attesa che Juve e Inter li mollino per davvero). Il muro, al momento, è su Rudiger mentre la situazione è fluida per Nainggolan, vera anima della squadra, adesso attratto dalle proposte inglesi di Mourinho. In compenso la Roma ha mosso le acque in entrata: Hector Moreno per la difesa, Karsdorp per la fascia destra e con ogni probabilità Domenico Berardi per esaltare il gioco di Di Francesco. Viola invece in alto mare, a parte i soliti piatti giovani tipici di Corvino, in dismissione sul fronte Borja Valero (Inter), Bernardeschi (Juventus) e Kalinic (Milan) con capitan Rodriguez che ha infine scelto il rientro in patria. Alto mare e acque agitate, chissà se Stefano Pioli, neo allenatore, poteva immaginare tutto questo soltanto 5 o 6 mesi fa…  

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here