Inter, la nuova fiamma si chiama Naby Keita

Luciano Spalletti ha un’idea, e Sabatini la asseconda. “Ma se per Nainggolan, l’uomo che ci manca per il salto a centrocampo, servono 60 milioni e forse non bastano, perché non anticipare tutti sul tuttocampista più forte della Bundesliga?”.

Il suo nome è Naby Keita, guineano, portato in Europa da una minuscola società francese di Ligue 2, osservato e catturato dal Salisburgo nel 2014, non ancora ventenne e adesso letteralmente esploso in Bundesliga con la maglia del Lipsia (società ricca, di orbita Red Bulls come lo stesso Salisburgo) che lo ha pagato 14 milioni di euro.

Impressionante, trainante, dinamico, intenso ma anche tecnico e votato al palleggio: è così che gli esperti descrivono Keita, classe 1995, da non confondersi con l’attaccante della Lazio oggetto di scontro tra la Juve  e la Lazio. Insomma, un Nainggolan in potenza, il Vidal che viene dall’Africa (già 25 presenze nella sua nazionale) o forse più semplicemente il nuovo Kanté, centrocampista che ha spostato gli equilibri della Premier negli ultimi due anni.

L’Inter potrebbe provarci, anzi vorrebbe. Il venditore è di quelli tosti, bottega cara come si suol dire. Il problema potrebbe essere quanto si racconta proprio in Inghilterra: il Lipsia avrebbe già rifiutato un’offerta da oltre 60 milioni di euro da parte del Liverpool di Jurgen Klopp…

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here