SAMARATE, RAPINATA AZIENDA CINESE

Sono entrati in quattro in un’azienda di confezioni di Samarate gestita da una famiglia cinese. Con un coltello in pugno, hanno arraffato più o meno mille euro anche se nelle loro intenzioni speravano di prelevare più contanti. A sorprenderli questa signora che gestisce l’attività con il marito. Ne è nata una colluttazione dopo l’intervento dell’uomo in difesa della moglie. Risultato: la donna viene ferita alla gamba, così come il marito, raggiunto da una coltellata coscia destra. Il 50enne è stato portato in ospedale a Gallarate per le cure. Nessun assalto, come sembrava all’inizio. I malviventi, forse cinesi, sono andati alla ricerca di denaro entrando in un piccolo capannone poco prima di mezzanotte. Si sono trovati di fronte la signora che ha opposto resistenza e che ci mostra i segni della colluttazione. I Carabinieri stanno indagando sulla dinamica dei fatti e soprattutto alla luce delle testimonianze della famiglia cinese, restia a parlare e come spesso succede, chiusa nel suo laboratorio di confezioni. Una vicina di casa, una volta svegliata dal suono del citofono, è accorsa in laboratorio per soccorrere il marito della donna, trovandolo in una pozza di sangue.

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here