A Capodanno allarme terrorismo a Milano

Torna l’incubo terrorismo a Milano. Uno degli allarmi più preoccupanti  degli ultimi anni, poi rientrato, è scattato a Capodanno. A mettere in allerta le forze dell’ordine, una festa organizzata in un albergo di lusso in zona Stephenson a Milano, nell’area che ha ospitato l’Expo. Cinquemila persone invitate la notte di San Silvestro. E tre uomini di nazionalità marocchina che dopo aver prenotato on line una super suite da 600 euro e due camere da 95 euro ciascuna, sono letteralmente scomparsi nel nulla. I tre infatti, nonostante abbiano speso ben 800 euro, non si sono mai presentati in albergo. Assenza che ha insospettito il proprietario della struttura che ha immediatamente chiamato le Forze dell’ordine. I Carabinieri arrivati sul posto hanno controllato 2mila persone, a cominciare da una dozzina di arabi poi risultati estranei ai fatti. L’attenzione degli investigatori del Nucleo informativo dell’Arma e del Ros si sono concentrati allora sui tre personaggi circondati da un alone di mistero. A preoccupare era soprattutto il fatto che la prenotazione fosse stata fatta a nome di un marocchino incensurato che però, stando alle indagini, in passato avrebbe avuto dei contatti con un connazionale finito in manette in Francia nel 2016  perché sospettato di essere affiliato all’Isis. Altro elemento che ha insospettito gli inquirenti, il suo recapito telefonico che in realtà è risultato essere associato a un pakistano mai esistito. Le indagini sono ancora in corso.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here