MARCHENO, SI VA VERSO LA CHIUSURA DELLE INDAGINI

2 anni, 4 indagati, tanti dubbi e pochissime risposte attorno al giallo di Marcheno. L’ipotesi degli inquirenti sulla fine di Mario Bozzoli, imprenditore sparito nel nulla l’8 ottobre 2015, è sempre stata che l’uomo sia stato ucciso e poi gettato in uno dei forni della fonderia di cui era titolare, insieme al fratello Adelio. Ma ora che sono passati due anni e le indagini si avviano alla conclusione, rimangono troppe domande attorno al giallo di Marcheno. Alex e Giacomo Bozzoli, nipoti dell’imprenditore, indagati a piede libero per omicidio volontario e soppressione di cadavere -in concorso con altri due dipendenti della bozzoli- sono stati nuovamente sentiti dal procuratore Mauro Leo Tenaglia. E nuovamente si sono detti innocenti. I due fratelli infatti davanti al magistrato si sono avvalsi della facoltà di non rispondere ma prima hanno voluto ribadire la loro estraneità rispetto alla scomparsa dello zio. Dichiarazioni, queste, che potrebbero essere le ultime, dato che scaduti i termini per le indagini, alla procura rimangono 90 giorni per decidere se rinviare a giudizio gli indagati o chiedere l’archiviazione del caso, che dopo 2 anni, rimane un giallo. E questa non è l’unica indagine che potrebbe essere archiviata perché attorno alla fonderia di Marcheno ruota anche la morte di Giuseppe Ghirardini, l’operaio dell’azienda trovato senza vita pochi giorni dopo la scomparsa di Mario. L’uomo, sparì nel nulla il giorno prima di un interrogatorio con i carabinieri e fu ritrovato senza vita in montagna avvelenato col cianuro. Il fascicolo aperto contro ignoti parla di istigazione al suicidio ma scaduti i termini delle indagini anche questo capitolo potrebbe risolversi in un nulla di fatto. Se fosse ancora vivo, per gli inquirenti, probabilmente anche Ghirardini sarebbe indagato per la morte dell’imprenditore, ma con la sua scomparsa sono andate perse anche una serie di risposte, risposte che forse sarebbero state le uniche a poter far luce sulla fonderia di Marcheno.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here