Milanow Change Site
11/10/2011 17:39

INTER, QUANTO TI MANCA ETO'O!

Che la cessione di Samuel Eto’o sarebbe stata dolorosa era scontato, che fosse impossibile trovare un sostituto all’altezza era altrettanto scontato, ma confrontando i dati tra lo scorso anno e la stagione in corso scopriamo un dato sconcertante. L’Inter ad oggi ha segnato la miseria di 11 gol in 8 partite tra campionato, Supercoppa Italiana e le prime due del girone di Champions League.  Questi 11 gol vanno distribuiti tra Milito, miglior marcatore stagionale interista con 3 centri, Pazzini e Lucio a quota 2, Forlan, Cambiasso, Zarate e Sneijder completano il quadro. Samuel Eto’o un anno fa ne aveva messi a segno già 12 di questi tempi, uno in più rispetto a tutto l’organico nerazzurro di oggi. Con tre doppiette ed una tripletta in Champions League. Facile immaginare l’incidenza di un fuoriclasse del suo calibro, difficile forse ricordare che fosse così devastante nell’economia di una squadra che già a settembre è passata da Gasperini a Ranieri. Una cosa è certa: ad oggi il giocatore arrivato al posto del camerunese, non sta rendendo quanto ci si aspettava, fermo restando che i problemi tattici con Gasperini non hanno certo agevolato l’inserimento dell’attaccante uruguaiano.La prima stagione del camerunese in nerazzurro non fu scoppiettante come l’annata del Triplete, tuttavia nello stesso periodo mise a segno un poker di tutto rispetto.  Segno che nel calcio ci si inventa poco, per vincere ci vogliono i fuoriclasse, possibilmente ancora in età per correre e segnare, i saldi di fine serie servono a poco, e spesso non fanno che aumentare il rimpianto per ciò che si aveva e che non c’è più.

CommentaQuesto Post

I commenti sono moderati pertanto si chiede di evitare l'utilizzo di un linguaggio scurrile, altrimenti lo stesso non verrà pubblicato.

4
  • massimointer 22/10/2011 15:57

    Lo specchio di come siamo messi quest'anno lo si vede leggendo le interviste degli avversari alla vigilia dei match contro di noi ,Pellissier l'anno del triplete avrebbe detto : devo fare ancora 2 gol per arrivare a cento ma ci penserò dopo la partita con l'Inter perchè a Milano è difficile ora dice "mi mancano due gol e posso farli Domenica"Il guaio è che ha ragione!!Max

  • massimointer 16/10/2011 10:22

    Da tempo predico nel deserto e mi sono preso del pessimista del disfattista ecc.ecc.Ora ,dopo l'ennesima figuraccia di Catania ,qualcuno mi vuole finalmente ascoltare?Questa squadra è candidata alla retrocessione,anche il più scarso degli allenatori di A ha capito che il centrocampo e la parte centrale della difesa se presi in velocità sono la banda del buco.L'attacco è inesistente con i cadaveri Milito e Forlan e Pazzini che sarebbe forte se ci fosse qualcuno in grado di crossare.Degli acquisti è meglio non parlare, dopo la prova di ieri di Zarate e Alvarez Branca dovrebbe avere la decenza di dimettersi.Ora cominciamo a ragionare da provinciale: dentro Caldirola Crisetig(sarà sempre meglio di Muntari!) e fuori le vecchie glorie.
    A gennaio poi mano al portafoglio acquistando campioni non promesse!Ciao Max

  • massimointer 12/10/2011 07:40

    Solo i più sfegatati tifosi ,ancora accecati dal triplete,non vedono la realtà.L'Inter è una squadra composta per metà da ex giocatori,non più in grado di giocare a questi livelli,e per l'altra metà da mediocri giocatori(Alvarez Castaignos,Obi,Ranocchia Zarate) o da bidoni (Jonathan,Coutigno,ecc) o da giocatori che sarebbero discreti ma sono sempre rotti(Poli, Motta).Basta leggere le interviste fatte agli allenatori delle squadre avversarie nei prepartita per capire che ormai non facciamo più paura a nessuno.Branca deve dimettersi deve ritornare Oriali e fare una seria campagna acqujsti a Gennaio altrimenti il rischio serie B è reale.Max

  • massimointer 11/10/2011 18:00

    Ma davvero qualcuno(Moratti) pensava che con il pensionato Forlan avremmo potuto rimpiazzare il grandissimo Eto,o?Ribadisco e lo ripeterò fino alla noia :facciamo svelto i 40 punti per la salvezza e poi pensiamo all'anno prossimo,senza coppe potremo,se il caro presidente si sveglia, tornare grandi almeno in Italia