12/03/2012 14:57

LE POLEMICHE DELLA JUVE

.

 Buongiorno Direttore, mi chiamo Andrea e sono un vostro assiduo ascoltatore delle vostre trasmissioni sia su TeleLombardia che Antenna3.
Oltre che farle i COMPLIMENTI per la sua professionalità nel ruolo del conduttore, le scrivevo anche per chiederle una cortesia ed e questa....
La prego di non subirmi ancora l'ennesimo massacro mediatico contro la Juve da parte degli ospiti presenti questa sera a Lunedì di Rigore...
Perchè a MIO modestissimo parere ciò che è successo ieri a Marassi a dell'incredibile!! un rigore negato su Matri(nettissimo)!! lei si chiederà come faccio ad esserne sicuro???
Semplice faccio la prova della casacca, ossia....metto la maglia rossonera sulle spalle di Matri e mi rivedo la stessa azione.
 Seconda cosa un gol (regolarissimo) di Pepe segnalato in fuori gioco.
Quanto sono attuali le parole di Conte pronunciate a Parma!! Ancora adesso mia fanno sorridere per non piangere a risentirle, un pò come Benitez con L'inter
Attualmente la Juve è in silenzio stampa, personalmente non sono d'accordo, io ho imparato nella vita a gridarle al mondo le ingiustizie e non farmi mettere il bavaglio da nessuno(non è questo comunque il caso)
Gli errori avanno denunciati SEMPRE!! Cosa mai potrebbe accadere ancora di negativo all Juve?? La faccia?? gia persa.....L'allenatore?? No tolto anche questo.... i rigori?? Mai sentiti nominare......lo scudetto?? 

Gia prenotato ad inizio stagione come ( il posto in prima fila a Teatro).
Tutto ciò che fa e dice la Juve viene plasmato e lavorato come un vaso di creta a proprio piacimento, l'importante dargli addosso. Se si lamenta, mette a disagio le terne arbitrali, se stà zitta fa la Piangina se i giocatori rispondono educatamente ad una domanta fatta dai giornalisti passano per spioni, il portiere con ( Ingenua Onestà ) dice cio che avrebbero fatto tutti!! ma dico tutti! Passa per un cattivo esempio.!!
Incredibile direttore!! Mi chiedo come faccia Chirico a mantenere il controllo e non sbottare come una pentola a pressione( Un grande professionista ancor prima di un tifoso).
Vorrei chiudere con una frase di Luciano Moggi che racchiude il senso del CALCIO di alto livello in Italia e fuori dai confini
" Il Calcio, la Domenica è sport, il resto della settimana è industria"
Le rinnovo i complimenti per il suo operato sulle varie emittenti, e di esser stato in grado di circondarsi di persone valide, capaci,ma soprattutto (simpatiche).

Cordialmente: Dell'Oro Andrea Dario

 

LA RISPOSTA DI FABIO RAVEZZANI

 

Buongiorno Andrea, e grazie per le belle parole,

Capisco il suo punto di vista, ma non me ne vorrà se gliene prospetterò un altro. Domenica pomeriggio, ho visto qualche errore arbitrale, ma non lo scandalo che la Juve lascia intendere. Il rigore su Matri c'era, però prima c'era il fallo dello stesso attaccante e quindi diventa assurdo chiedere giustizia a metà: chiudo gli occhi sulla prima parte dell'azione, ma devo vedere bene solo la seconda. Il gol di Pepe era valido, ma c'erano anche due situazioni-limite in area di rigore juventina. La Juve nell'insieme è stata un po' penalizzata, ma ho visto ben di peggio in altre occasioni.

Veniamo adesso al discorso generale. Si può dire che il distacco tra Juve e Milan sia stato determinato dalle decisioni arbitrali? A mio giudizio no. Nell'insieme, tra torti e favori, le due squadre si equivalgono e nello scontro diretto è stata la Juve a ricevere qualcosa in più. Detto questo, verrebbe da concludere che la Juve non ha alcuna ragione di lamentarsi e che l'ultimo, clamoroso silenzio stampa, sia frutto solo di un ingiustificato nervosismo che a volte sfiora l'isteria.

In realtà qualcosa di concreto per essere nervosi c'è. Un rigore dall'inizio del campionato è ben poca cosa. Vero è che nella propria area la Juve a volte qualche aiutino l'ha ricevuto. Ma qualcosa di anomalo esiste nell'atteggiamento della classe arbitrale al momento di giudicare un attaccante bianconero che invoca un penalty.

Più in generale, c'è la sensazione che il peso politico della Juve sia equivalente al Chievo, e questo non va bene. L'Inter, da inizio stagione, ha subìto più torti del club bianconero, eppure sembra di capire che le proteste di Moratti siano tenute in diverso conto rispetto a quelle di Andrea Agnelli.

Sarà un problema di noviziato del giovane Andrea, sarà Conte che si affaccia per la prima volta da tecnico al grande calcio, sarà che Marotta ha sempre fatto parte di club minori. Sta di fatto che il Palazzo sembra indifferente, quando non infastidito, davanti alle proteste juventine.

Ma c'è stata anche una gestione sbagliata di queste rimostranze. L'avviso ai naviganti di Conte alla prima di campionato è stato intempestivo e certamente ha mal disposto la classe arbitrale verso il club. Lo stesso dicasi delle lamentele di Marotta per i falli di mano non rilevati, quando ne aveva beneficiato solo la settimana precedente con il Cagliari. E pure il silenzio stampa di questi giorni ha il sapore di una reazione più nervosa che ragionata.

Non è così che si colma il gap con le istituzioni. Il problema, in questa stagione, anzichè risolto sembra peggiorato.

Serve una strategia più sottotraccia, più diplomatica, più furba. Interpretare gli umori della parte più oltranzista della tifoseria può servire a vendere qualche copia di giornale in più, non a riconquistare il posto che la Juve merita nelle segrete del Palazzo. Ci pensi, Andrea. In momenti come questo deve essere più dirigente che tifoso. Solo così potrà ottenere ciò che pretende.

F.R.

CommentaQuesto Post

I commenti sono moderati pertanto si chiede di evitare l'utilizzo di un linguaggio scurrile, altrimenti lo stesso non verrĂ  pubblicato.

5
  • fabry70 15/03/2012 18:00

    direttore buonasera io la stimo e la seguo ma questa volta devo dire che nn sn d'accordo con lei. Sn juventino e le dico che l'arbitro ha influito varie volte nelle partite della Juve, il più delle volte a ns sfavore. Anche cn il Milan checchè se ne dica nn siamo stati così tanto aiutati in quanto nel momento in cui Muntari ha segnato un gol regolare il Milan era già in vantaggio quindi nn s sarebbe dovuto catapultare in avanti per segnare anzi avrebbe potuto approfittare degli spazi concessi dai bianconeri per raddoppiare. Comunque alla fine due gol li avevamo fatti anche noi in 11 contro 11...pensi se l'arbitro avesse visto il pugno di Mexes...grz direttore continuate così

  • max75 15/03/2012 09:50

    Caro direttore , tra siena , parma e bologna la JUVE ha perso 6 punti che con i più 2 del milan nello scontro diretto (diamogliela vinta) saremmo pari e non a meno 4 ............

  • prolegomena 12/03/2012 18:13

    Sono uno juventino d'accordo con il direttore. Marotta e Conte han parlato troppo: a quel livello un pò di diplomazia e di equilibrio non guasterebbe. Mario.

  • giovannisergi 12/03/2012 16:02

    secondo me se la juve continua cosi finirà il campionato sotto l' inter

  • Alex Seppi 12/03/2012 15:52

    Direttore perche' continua a citare in mezzo a un mare di torti arbitrali, quello che successe nel primo tempo di Juventus Cagliari partita che dimentica sempre che fini in pareggio dove il Cagliari pareggio poco dopo il mani di Pirlo? La Juve ha di gran lunga un gioco migliore del Milan nonostante abbia un monte ingaggi di 60 milioni netti, non ha le televisioni del Milan che gli fanno da propaganda di continuo (non ce le ha nessuna squadra al mondo tranne il milan) e ha avuto torti in cosi tante partite che sarebbe stata tranquillamente sopra il Milan che ha avuto torti in due partite ma anche favori in piu' di due partite.