Torinow Change Site
Stefano Donati

MILAN, TORRES ANCORA IN PANCHINA

4 presenze, 238 minuti e un solo gol. Da Fernando Torres è inutile negarlo, ci si aspettava di più. L’attaccante con l’ingaggio più alto della rosa rossonera dopo il buon esordio di Empoli dal primo minuto, sta un po’ deludendo le aspettative dei tifosi e di Pippo Inzaghi. Il tecnico nella delicata trasferta di Verona pare intenzionato a farlo partire ancora una volta dalla panchina. Nei prossimi giorni a Milanello si cercherà di recuperare Jeremy Menez. Lui da falso nueve con El Shaarawy e Honda sulle fasce, praticamente il modulo preferito da Inzaghi. Il dubbio che il Torres attuale sia quello delle ultime stagioni al Chelsea e non il fenomeno dell’Atletico e del Liverpool si sta trasformando in certezza col passare dei giorni. Per le sentenze definitive è sicuramente presto ma le premesse non sono incoraggianti. Sotto esame a Verona ci sarà anche Stephan El Shaarawy, voglioso di riprendersi il Milan una volta per tutte. Adesso che non c’è più Balotelli e che i problemi fisici sono alle spalle per lui, il tempo delle scuse, è già finito.