MILANO RICORDA GUALTIERO MARCHESI

Non si ferma il Marchesino, oggi è una giornata come le altre per il noto ristorante di Gualtiero Marchesi, in piazza della Scala. Si va avanti come avrebbe voluto lui, il maestro di cucina e di stile, morto ieri, dopo una lunga malattia, nella sua abitazione milanese.

Domani la camera ardente. Chi vorrà rendere omaggio al grande chef  lo potrà fare al Teatro Dal Verme, dalle 10 alle 20 e poi di nuovo, il giorno dopo, dalle 9 alle 10. Venerdì sarà anche il giorno dei funerali, alle 11 nella Chiesa Santa Maria del Suffragio. Poi le spoglie saranno portate nella tomba di famiglia a San Zenone, nel pavese, dove riposa anche la moglie Antonietta scomparsa sei mesi fa.

Se ne va così un grande della cucina italiana. Fu il primo ad ottenere nel nostro Paese le tre stelle Michelin ma anche il primo a ribellarsi al metodo di assegnazione tanto da rifiutarle poi in seguito. Nell’86 gli fu dato anche l’Ambrogino d’Oro. Maestro per tanti grandi, nella sua cucina, si sono formati chef come Carlo Cracco, Davide Oldani. Attorno a lui un cordoglio unanime.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here