MILAN, SUSO E’ IN BILICO

Fino a ieri non c’era ancora visibilità bancaria dei 10 milioni di euro inviati nei giorni scorsi da Yonghong Li per l’aumento di capitale: in casa Milan si attende il bonifico con tranquillità, un esito diverso della vicenda sarebbe a dir poco clamoroso. Dalla società trapela ottimismo in generale sulla questione rifinanziamento: non ci resta che attendere, esattamente come Rino Gattuso per mettere la firma sul rinnovo.

Il proseguimento del matrimonio non è in discussione. Il direttore sportivo Massimiliano Mirabelli mercoledì sera è stato chiaro, ribadendo ancora una volta massima stima nei suoi confronti: “Diventerà uno dei più importanti allenatori per i prossimi anni”. Dopo Pasqua le parti dovrebbero mettere tutto nero su bianco, senza fretta: il futuro di Gattuso comunque non è legato ai risultati nelle importanti sfide contro Juve e Inter. Si farà ma senza fretta anche il rinnovo di Patrick Cutrone: contratto da 1 milione a salire fino al 2023.

Capitolo Bonaventura: Jack è legato al Milan fino al 2020. Non è, ora, tra le priorità di Mirabelli parlare del suo futuro con Raiola. In caso di offerte interessanti l’ex Atalanta potrebbe anche essere ceduto, in un processo di deraiolizzazione. Discorso diverso quello relativo a Suso: il club vorrebbe trattenerlo, ma la clausola rescissoria da 38 milioni di euro rimanda tutto al giocatore. “Vogliamo solo chi sposa il progetto”, il ds rossonero è stato chiaro, lo spagnolo non ancora.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here