Interrogata in carcere Laura Taroni

Laura Taroni, l’infermiera di Lomazzo, è indagata anche per l’omicidio della madre, Maria Rita Clerici, e del suocero, Luciano Guerra. Entrambi si opponevano alla sua relazione con Leonardo Cazzaniga, l’anestesita che insieme al lei è accusato di aver ucciso il marito della donna. A precisarlo la procura di Busto Arsizio al termine dell’interrogatorio nel carcere di Como. Le vengono contestati anche i reati connessi di lesioni e falso ideologico.

Per l’accusa la donna, insieme al suo amante, avrebbe somministrato al marito farmaci che l’hanno gradualmente portato alla morte, mettendoli anche nel pesto. E alcune intercettazioni, per gli inquirenti, confermerebbero questa tesi.

Intanto il tribunale del riesame ha disposto gli arresti domiciliari per l’ex primario del pronto soccorso di Saronno Nicola Scoppetta. 48 anni è accusato di favoreggiamento: per il pm sapeva cioè che le 4 morti in corsia, contestate a Cazzaniga, erano state provocate del cosiddetto protocollo Cazzaniga, ovvero la somministrazione di farmaci che portavano i pazienti alla morte. Per ora il medico non subirà restrizioni della libertà personale perché il suo legale ha già annunciato il ricorso in Cassazione che sospende l’esecutività della decisione.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here