LA MORTE DI SANA, ANCORA NESSUNA GIUSTIZIA PER LA ITALO-PACHISTANA DI BRESCIA

La verità sulla morte di Sana Cheema deve attendere ancora. E sperare che le indagini delle autorità pachistane facciano davvero chiarezza su tutto, come chiedono con forza gli amici della ragazza a Brescia. Ma i tempi dell’autopsia sfumano da 15 giorni a 3 mesi per le analisi che verranno svolte a Lahore, la grande città a 120 chilometri dalla zona rurale di Gujrat nella quale la ragazza è stata seppellita e dove la sua famiglia ha un’elevata posizione sociale: il fratello è in politica e con lo zio e il padre (attorno al quale gira tutto il caso) è stato prima arrestato ma poi rimesso a piede libero, con l’obbligo di non lasciare il Pachistan. Mustafà Gulam, da 15 anni operaio alla Innse Cilindri di Brescia, ha dichiarato che la figlia stava male a causa del troppo alcool che beveva in Italia, ma ha anche prodotto due certificati medici e uno di morte. Validi? Non dovrebbe essere difficile stabilirlo, tuttavia fino a che l’esame autoptico non troverà ciò che cerca – ovvero il veleno nello stomaco di Sana – quello della venticinquenne appare come un corpo integro, senza segni di violenza da dover spiegare. E il funerale, fatto in fretta e furia, ma fatto, non basta a inchiodare i sospetti. Anche se celebrato a poche ore dal volo che avrebbe riportato Sana a Brescia dove si era diplomata, dove lavorava con passione, dove aveva ottenuto il settembre scorso la cittadinanza italiana e dove qualcuno (ma chi?) ha ricevuto 59 telefonate partite dal cellulare che ha accompagnato il tristissimo destino di questa giovane donna.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here