MORTA IN PISCINA, PROCURATORE: SI INDAGA PER OMICIDIO

Non è morta per una congestione perché lo stomaco era vuoto. Josephine Odijie, la 35enne nigeriana trovata senza vita in una piscina a Castelgerundo, in provincia di Lodi, potrebbe dunque essere stata uccisa. Il procuratore di Lodi Domenico Chiaro ha spiegato infatti che si indaga per l’ipotesi più grave, ovvero quella di omicidio, non escludendo però altre piste. "A questo punto – ha detto – escludiamo sia la congestione sia la rapina in casa in quanto nella stessa abitazione sono stati trovati diversi oggetti preziosi lasciati lì dove erano". La ragazza è dunque annegata, ora si attendono gli esami tossicologici per rilevare l’eventuale presenza di veleno nel corpo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here