TANGENTI SANITA’, EX PRIMARIO CALORI PATTEGGIA

Ha patteggiato 2 anni e 10 mesi Giorgio Maria Calori, l’ormai ex primario del Cto-Pini accusato di corruzione nell’ambito dell’inchiesta su presunte tangenti nella sanità lombarda. Stabilita inoltre l’interdizione dall’esercizio della professione per 8 mesi, un risarcimento di 60mila euro al Pini, di 10mila euro alla Regione Lombardia e la restituzione del profitto del reato per una somma di quasi 300mila euro. Il Gip ha poi dichiarato l’estinzione del rapporto di lavoro con l’istituto ortopedico perché la pena patteggiata è superiore ai due anni. Per l’accusa l’imprenditore Tommaso Brenicci, titolare di società che commerciano apparecchiature mediche, avrebbe corrotto 5 medici, tra cui Calori, per garantirsi forniture al Pini e al Galeazzi. Brenicci, l’unico finito in carcere è ora ai domiciliari e potrebbe anche lui scegliere la via del patteggiamento mentre per gli altri indagati la Procura dovrebbe chiedere il processo con rito immediato.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here